logo
Il magazine SARDEGNA è uno strumento di comunicazione utile, economico e moderno che consente di promuovere la Sardegna e valorizzare ogni aspetto importante collegato allo sviluppo economico. SARDEGNA è ricco di contenuti originali e multilingua, redatti da giornalisti, storici ed esperti del turismo che introducono i lettori nella ricca cultura sarda attraverso nuove modalità di interazione che puntano a migliorare l'esperienza del soggiorno.
Leggi il magazine!
Matteo, Autore a Sardegna Magazine
fade
3
archive,author,author-matteo,author-3,edgt-core-1.0,kolumn-ver-1.0,,edgtf-smooth-page-transitions,ajax,edgtf-theme-skin-light,edgtf-blog-installed,edgtf-header-standard,edgtf-fixed-on-scroll,edgtf-default-mobile-header,edgtf-sticky-up-mobile-header,edgtf-animate-drop-down,edgtf-dark-header,edgtf-search-covers-header,edgtf-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

Author: Matteo

Festa di Sant'Efisio, vestito tradizionale (Foto di A.Duranti)

Cagliari e Sant’Efisio: una “rinascita” che dura 360 anni.

[caption id="attachment_1105" align="alignleft" width="274"] Festa di Sant'Efisio (Copyright: Andrea Duranti)[/caption] Un vero amore è incondizionato e sincero, ma ogni tanto ha pur bisogno di rinnovarsi anche solo un po’ di tempo per sentire più vicino l'oggetto di tanto amore. È quello che ogni anno succede a Cagliari e alla Sardegna col patrono Sant’Efisio, festeggiato e celebrato non a caso all’inizio del mese di maggio, con l’inizio della bella stagione e la rinascita della natura. Fra gli abitanti della città e dell’Isola e la figura del Santo è senza dubbio amore incondizionato, probabilmente per il suo forte legame col territorio, dove il Santo, secondo la leggenda, ha vissuto persecuzione e condanna a morte e dove i suoi festeggiamenti, con il tempo, hanno assunto una forte connotazione di indipendenza, libertà e resistenza alle guerre, alla sofferenza e spesso alla morte.   Una figura che parla di coraggio Efisio, secondo quanto tramandato dagli agiografi, fu un comandante dell’esercito romano sotto l’imperatore Diocleziano, in piena persecuzione contro i cristiani. Servì diligentemente l'esercito fino a quando, avuta la vocazione, pensò di convertirsi. Fu per questo imprigionato a Nora e, dopo ripetute torture, morì decapitato proprio sulla bella spiaggia nei pressi di Pula.   Fra tradizione e leggenda [caption id="attachment_1103" align="alignleft" width="300"] Festa di Sant'Efisio (Copyright: Marcello Treglia)[/caption] Le reliquie del Santo, dopo essere state conservate per circa 750 anni nella chiesetta di Nora insieme a quelle di San Potito, furono portare a Pisa nel 1098 e vi rimasero fino al 1886, anno in cui furono riportate a Cagliari. La devozione per il Santo non diminuì, ma anzi si caricò di solennità e rispetto intorno al 1655 quando, in seguito al voto fatto al Santo, la terribile epidemia di peste ebbe fine. Fu allora che la popolazione si legò fortemente a Sant’Efisio con il voto perpetuo e la promessa di ringraziare e festeggiare annualmente il Santo per la salute ritrovata. La confraternita maggiormente legata al Santo e ai riti che si celebrano in suo onore tra l’1 e il 4 maggio, è l’Arciconfraternita del Gonfalone. Sono tante le tradizioni centenarie che fanno da protagonista durante la festa, dall’abito azzurro-indaco con bottoni bianchi dei Confratelli, all’abito completamente nero delle Consorelle, ai riti che precedono la processione del primo maggio verso Pula e il suo ritorno tre giorni dopo verso la chiesa del patrono nel quartiere di Stampace. Nel totale silenzio e nell'intimità della città.   I colori, la luce e i suoni di Cagliari [caption id="attachment_1101" align="alignleft" width="300"] Festa di Sant'Efisio (Copyright: Marcello Treglia)[/caption] A stupire maggiormente turisti, fedeli e curiosi, il colorato tappeto di petali di fiori(ramadura n.d.r.) con il quale viene cosparsa la strada della centrale via Roma al passaggio del cocchio del Santo, e il rombare festoso delle navi che, ancorate in porto, salutano il suo arrivo al centro della città dalla piccola chiesetta del quartiere di Stampace. A precedere il simulacro del Santo, una statua barocca che raffigura un guerriero dotato di baffetti e armatura splendente, i gruppi folcloristici di tutta la Sardegna: gli scalzi di Cabras, le meravigliose donne di Tempio Pausania, la poesia di Orgosolo, con i colori vivaci,...

galleriacomunale

I Musei Civici. Dove le arti si incontrano

La Galleria Comunale e l’antico Palazzo di Città sono spazi privilegiati per mostre ed esposizioni di livello internazionale La Galleria Comunale, con il suo edificio neoclassico immerso nel verde dei Giardini Pubblici, fra fiori, antiche statue e due ficus dalle grandi radici, è la porta dell’Isola sempre aperta sull’arte. Ad accoglierti è “La madre dell’ucciso” di Francesco Ciusa, primo premio alla Biennale di Venezia nel 1907, insieme ad una serie di opere della prestigiosa Collezione Ingrao che ti daranno l’opportunità di respirare il fermento della città. Qui inizierai un ideale percorso che ti porterà nel cuore dell’antico quartiere di Castello, dal Museo d’arte siamese Cardu agli spazi dell’antico Palazzo di Città che ha ospitato numerose mostre e rassegne come la mostra “Il disegno del cinema”, composta da disegni, dipinti, appunti visivi e fotografie di quattordici maestri del grande schermo italiano. Nell’elegante spazio espositivo si muove Anna Maria Montaldo, direttrice della Galleria Comunale. «I Musei Civici si delineano sempre più come centrali operative in cui prende forma l’idea di una città come campo di confronto fra le arti», spiega. «Questa è l’anima di Cagliari Capitale italiana della Cultura 2015. Anima che ci ha portato a operare nel territorio e che ci spinge a collaborare con numerosi musei, compreso l’Ermitage di San Pietroburgo con il quale abbiamo preparato la mostra Eurasia, dedicata alle grandi civiltà»....

alghero

Alghero, la Barceloneta di Sardegna

C'è un'isola nell'isola, in Sardegna. Nella costa nord-occidentale, tra il promontorio di Capo Caccia e quello di Capo Marrargiu, si trova la città fortificata di Alghero, conosciuta anche come Barceloneta, la piccola Barcellona. La sua posizione sul Mediterraneo nel corso dei secoli ha costituito un obiettivo strategico per le maggiori potenze militari. Fondata nel XII secolo dalla famiglia genovese dei Doria, passò sotto il dominio aragonese in seguito alla famosa battaglia di Porto Conte, combattuta nell'omonimo golfo nel 1353. Fu il re catalano Piero IV il Cerimonioso a decidere di cacciare gli antichi abitanti locali per ripopolare la città con coloni catalani, promettendo loro particolari privilegi fiscali. Da allora Alghero divenne a tutti gli effetti una colonia catalana in terra sarda, un avamposto militare e commerciale inizialmente inospitale, vessato da continue epidemie di peste e pericolosamente esposto ad aggressioni da parte delle città rivali. Questo non le impedì di arricchirsi culturalmente con le sue architetture gotiche costruite ex novo e, soprattutto, con una lingua nuova, quella catalana, che si impose anche successivamente all'ingresso di sardi nella città, per le comunicazioni interne e i commerci. Isolato dalla madrepatria, il catalano di Alghero ha mantenuto il suo carattere arcaico ma, nello stesso tempo, ha subito una evoluzione autonoma, ammettendo influenze dal castigliano, dal sardo e dall'italiano. Dopo più di seicento anni questa lingua si conserva vivida per le vie della città, tra i vicoli stretti dei carrers del centro storico che ha mantenuto gli antichi toponimi. Ma scorre fluida anche tra le chiacchiere dei vecchi e i giovani al Mercato Civico di via Cagliari, o in quello ortofrutticolo di via Sassari, dove  è più facile tendere l'orecchio al cicaleccio antico. La fierezza di tale unicità linguistica ha portato negli anni gli algheresi a rivendicare la propria identità culturale attraverso il raggiungimento del bilinguismo paritario e l'insegnamento obbligatorio nelle scuole cittadine. Una visita ad Alghero è imperdibile, dunque, non solo per i paesaggi offerti dal suo splendido mare, o per la ghiotta cucina (anch'essa in gran parte debitrice dell'antica dominazione catalana), ma soprattutto per il viaggio nel passato che l'immersione in una realtà così unica consente....

cervo

Monte Arcosu, l’oasi del cervo sardo

Istituita nel 1985 dal Wwf per preservare l’animale in via di estinzione, oggi nei suoi 3600 ettari ospita anche numerose altre specie rare L’Oasi Wwf di Monte Arcosu è il cuore della più estesa foresta di macchia mediterranea dell’intero bacino del Mediterraneo e fu istituita nel 1985 per preservare l’habitat naturale privilegiato dal cervo sardo, allora in grave pericolo di estinzione. Al successo ottenuto dalla campagna promossa dall’associazione contribuì la Comunità Europea ma soprattutto, molti cittadini e soci, tra quali numerosissimi bambini, che si sentirono coinvolti in prima persona nella mobilitazione. Ristabilita la consistenza numerica di questa specie selvatica, l’Oasi di Monte Arcosu ha continuato a rappresentarne il più autentico simbolo. Nei 3600 ettari del suo territorio vive inoltre una considerevole fauna e avifauna con specie rare quali il Falco pellegrino, l’Astore e l'Aquila reale. A due passi da Cagliari, l'Oasi costituisce una straordinaria meta per escursioni di vario livello, soggiorni personalizzati, punto gourmet per una ristorazione fondata sui prodotti dell'enogastronomia sarda. Aperta sabato e domenica da gennaio a luglio e tra settembre e dicembre, su prenotazione per i gruppi. Ad agosto soltanto attività notturne.   Foto di: Giovanni Paulis  ...

Foto di: Comune di Domus de Maria

Chia. Un angolo di paradiso

Formata da calette, spiagge e promontori da sogno, la baia è ricca anche di testimonianze storiche ed archeologiche. La Baia di Chia è situata all’estremità ad ovest del Golfo degli Angeli. Formata da calette, spiagge e promontori, presenta un litorale ricco e diversificato e sfuma in tutti i toni del blu. “Il Porticciolo”, “Campana” e “Cala del Morto” sono solo alcuni dei seni preziosi di questa splendida costa. “Su Cardulinu”, isolotto collegato a terra da un istmo sabbioso, conserva gli scavi dell’antico insediamento fenicio di Bithia che collegava Nora e Karalis (Cagliari) a Sulky, oggi Sant’Antioco. A ovest, sul promontorio, la torre spagnola di Chia, occhio vigile sui corsari. Bellissima anche l’anima selvaggia di Cala Cipolla. Punta di diamante: la sconfinata spiaggia di Su Giudeu, che prende il nome dall’isolotto antistante raggiungibile a piedi. Un deserto gentile caratterizza l’arenile, mentre spumose onde srotolano il tappeto azzurro sulla battigia rosata. L’isolotto ricco di vegetazione dà alla baia un’impronta oceanica del tutto esotica. Alle spalle della spiaggia, i resti salini di un’immensa laguna, tappa fondamentale della migrazione dei fenicotteri. Colline di ginepri e mirti punteggiano di verde le colline circostanti e discreti agglomerati di case formano un villaggio spontaneo. Ammutolisce gli animi il faro di Capo Spartivento, silenziosa e antica luce per i naviganti.   Foto di: Comune di Domus de Maria...

uva

Più di testa o di cuore? A ciascuno il suo vino

Bovale e Cagnulari per i tipi schietti, Vernaccia e Nuragus per i grintosi, Nasco Girò e Malvasia per i più equilibrati.  Più di testa o di cuore? Se agite seguendo il secondo, il vino migliore è un rosso rustico, come un Bovale di Terralba o un Cagnulari di Usini, Sorso e Alghero, speziato e schietto, proprio come voi. Parola del sommelier Giulio Pani. Se poi abbinate al cuore la tradizione, vi consigliamo il Nepente di Oliena, di ascendenza dannunziana e vocazione sensuale. Siete instabili, nervosi ma irresistibili? Sorseggiate una Vernaccia di Oristano o il Nuragus di Cagliari, il principe dei paglierini di Sardegna. Se invece Minerva è la vostra divinità, la testa fa da padrona e con lei i vini frutto della tradizione. Il Vermentino di Gallura, un vino bianco fatto per la vista e per l’olfatto, attiva l’ingegno, così come un Carignano del Sulcis, rosso che colpisce, specialmente se abbinato ad un piatto di formaggi. Se poi siete dei tipetti equilibrati, un bicchiere di Nasco e Girò è il vostro vino d’elezione insieme al Malvasia di Cagliari o di Bosa, femminile e elegante il primo, forte e austero il secondo....

cavallo-a-dondolo

La bottega del legno. Dove il sogno si unisce all’arte

Grazie all’antica tecnica dell’intaglio, a Pirri, Giorgio e Antonello Puddu creano sorprendenti cassepanche tradizionali. Giorgio Puddu è il signore del legno, lo corteggia e lo conquista con una morbidezza capace di esaltarne le venature. Le essenze, nelle sue cassapanche (“sa cascia”), nei suoi scranni e nelle sue culle (“su barzolu”) sono sublimate grazie alle tecniche più fini che nell'intaglio trovano un'identità inaspettata. L'erede di Giorgio si chiama Antonello. Anche lui è “mastr'e linna” (maestro del legno), ricama il legno insufflandogli la vita. Li abbiamo incontrati nella loro bottega a Pirri, in piazza Italia, e siamo entrati in un mondo in cui il sogno si unisce all'arte. «Ero bambino e guardavo mio zio nel suo laboratorio, creavo per i miei amici i giochi allora in voga. “Sa bardufula”, la trottola con lo spago e “su barralicu” a quattro facce. Poi c'erano “su fusili de canna e linna” (il fucile di canna e legno), il cavallino ottenuto con canna (“su cuaddeddu de canna e de linna”) e il cavallo a dondolo (“su cuaddeddu santzia-santzia”)». Da allora non ha più smesso, perché alla gioia di creare non si rinuncia....

Telaio-del-meriggio-Maria-Lai1970

Il fare delle donne. Magia di Sardegna

Tutto ciò che c'è di bello e di gentile in Sardegna è di mano femminile. Queste le parole dello scrittore Giuseppe Dessì, pronunciate mentre osservava operare l'amica e vicina di casa a Roma Maria Lai, l'artista di Ulassai che fece del recupero dei lavori quotidiani femminili e della fiabe tradizionali la sua peculiare cifra espressiva. Come la sua interpretazione per immagini (ne Il dio distratto) della fiaba delle piccole janas, le fate operose che, nate da una scintilla divina, anelano al raggiungimento della dimensione umana, e la ottengono creando uno stato d'attesa. Per millenni giocano a “fare le donne”, scavando case nella roccia (domus de janas), costruendo telai d'oro, filando e tessendo. Preparando, cioè, tutta quella sapienza divina che avrebbero consegnato alle donne una volta giunte nell'isola. Le sue opere sono trame di stoffe, libri cuciti e opere concettuali che recuperano e sfidano le tradizioni, come dimostra l'opera Legarsi alla montagna, ideata per il paese natio Ulassai, nel cuore dell'Ogliastra. La sapienza manuale in Sardegna è un' arte prettamente femminile, che richiede pazienza e legame con la memoria, attraverso il passaggio di consegne tra generazioni. Una delle più antiche è sicuramente quella legata alla tessitura del bisso. Tale fibra tessile di origine animale veniva estratta, sin da tempi remoti, da alcuni molluschi come la Pinna Nobilis. Secondo la leggenda, la produzione della “seta marina” sarebbe giunta a Sant'Antioco con Berenice, che visse nella località sarda con l'imperatore Tito, suo marito. Appartenente alla casata di Erode, la donna portò con sé la conoscenza di questo antico sapere, custodendolo e tramandandolo a sua volta. La Pinna Nobilis, tuttavia, è ora a rischio di estinzione e la sua pesca e lavorazione praticamente inesistenti. Ma non in Sardegna. A Sant'Antioco infatti, vive e lavora Chiara Vigo, l'unica detentrice in Europa di questa preziosa arte, appresa dalla nonna, e che si propone di tramandare a sua volta con gesti e parole da antica sciamana. L'arte del bisso – dice – non è di sua proprietà, e non ne può fare commercio: è piuttosto un insieme di valori che ha il dovere di trasmettere alle generazioni future. Anche l'arte del ricamo, giunta in Sardegna dall'Oriente, trova nelle mani sapienti delle donne di questa terra la sua affermazione più superba. Basta dirigersi nella pittoresca Bosa, o a Oliena, per ammirare ancora oggi le donne sugli usci delle loro case, produrre curve i loro filet, o gli scialli variopinti. Ma non si pensi a loro come a dei monumenti viventi, intente a ripetere dei repertori immutati: alcuni dei loro lavori si possono ammirare tra le collezioni di uno stilista di fama mondiale come Antonio Marras. Nella Foto: Telaio del meriggio, Maria Lai 1970, opera appartenente alla collezione della Stazione dell'arte ...

casapittau

La bellezza segreta delle case campidanesi

Le antiche abitazioni erano delle vere e proprie fattorie, oggi diventate oasi di tranquillità nel tessuto urbano. Non fidatevi delle apparenze: dietro quei muri che vi sembrano anonimi si celano dei tesori. Quella delle case campidanesi è infatti una bellezza segreta che si mostra solamente nel momento in cui il grande portale si apre e il visitatore resta senza parole: davanti si trova non una semplice abitazione ma un piccolo mondo che dal passato agricolo dei centri che fanno da corona a Cagliari si proietta direttamente nel futuro. Come "Casa Pittau", situata a Samassi, nel cuore del Medio Campidano, parte del circuito Associazione Internazionale Città della Terra Cruda. La mobilia antica, i letti alti, i piccoli ambienti di lavoro incastonati nella casa, le mura spesse a cui si appendevano i veri tesori: gli attrezzi del lavoro. Tutto rimanda ad un passato prossimo nella memoria, che si muta in remoto nel momento in cui si ricerca oggi tracce di quella tradizione. Eppure tutto è cambiato. Le case campidanesi, per la loro struttura e per i materiali con cui sono state realizzate, sono oggi abitazioni ambite, in grado di garantire (se recuperate adeguatamente) uno standard altissimo di qualità. Merito della struttura stessa della casa che si compone di più spazi, una volta usati per gli animali, il forno, il deposito degli attrezzi, la cantina e che si affacciano su un grande cortile. L’abitazione vera e propria è invece protetta da un loggiato (sa lolla) che regala un tocco di stile inconfondibile. Queste case erano delle vere e proprie fattorie, costruite con i mattoni in terra cruda (su ladiri) e col tempo sono diventati delle eleganti residenze, delle vere e proprie oasi di tranquillità in pieno centro cittadino, con un valore aggiunto: essendo frutto di secoli di sapienza costruttiva, le case campidanesi oggi sono degli esempi abitazioni ecologicamente compatibili.  ...

Seguici su Instagram