logo
Il magazine SARDEGNA è uno strumento di comunicazione utile, economico e moderno che consente di promuovere la Sardegna e valorizzare ogni aspetto importante collegato allo sviluppo economico. SARDEGNA è ricco di contenuti originali e multilingua, redatti da giornalisti, storici ed esperti del turismo che introducono i lettori nella ricca cultura sarda attraverso nuove modalità di interazione che puntano a migliorare l'esperienza del soggiorno.
Leggi il magazine!
Sardegna, non solo estate | Sardegna Magazine
fade
1007
single,single-post,postid-1007,single-format-standard,edgt-core-1.0,kolumn-ver-1.0,,edgtf-smooth-page-transitions,ajax,edgtf-theme-skin-light,edgtf-blog-installed,edgtf-header-standard,edgtf-fixed-on-scroll,edgtf-default-mobile-header,edgtf-sticky-up-mobile-header,edgtf-animate-drop-down,edgtf-dark-header,edgtf-search-covers-header,edgtf-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive
cagliari-da-monteurpinu

Sardegna, non solo estate

Lontani dall’estate calda, planiamo su un’Isola che ha dimenticato il torpore afoso e si riscopre intensa, colora i suoi tramonti di un arancione languido e ci regala quadri di rinnovata bellezza.

Siamo a fine inverno, il clima è gradevole e invoglia ad uscire, a godere delle meraviglie della natura e, dopo intense giornate di relax, a provare sentieri ombrosi e spiagge la cui sabbia conserva anche al tramonto il tepore del sole.

Il piacere di farsi accogliere dalla città di Cagliari, immersa fra storia, shopping, cibo e mare, aumenterà il piacere di curiosare fra le botteghe nelle vie del centro, di rallentare e alzare lo sguardo verso le facciate dei palazzi e i balconi fioriti.

Un luogo nel quale ritornare bambini, perdersi nei mille giochi tradizionali, fatti di legno e pazienza, di fantasia e coccole, in cui la favola bella dell’artigianato, nobile antenato della poesia, è vita vera. Ceramica, intaglio, piccole canne che, pazientemente lavorate dal maestro liutaio, diventano Launeddas, antiche come l’alba, con il suono delle sagre, dei riti e della festa, come quelle ombre di una terra in cui lo scrittore Sergio Atzeni vedeva correre leggeri sulla terra uomini abituati a respirare vento e libertà.

La Sardegna da settembre in poi è così. Ritornarci significa passarci piacevolmente, mentre tutto riprende a correre, su spiagge meno piene, su boschi verdeggianti che nei prossimi mesi vireranno verso il senape gioioso dell’autunno, su vini corposi o leggermente instabili, capaci di restituire la vita in una sola sorsata.

Nicol
Nicol Zacco
No Comments

Post a Comment

Pula: il mare, i sapori e un fiero passato Previous Post
Pan di Zucchero, la cattedrale di Poseidone Next Post

Seguici su Instagram